sabato 15 giugno 2013

Staffetta di Blog In Blog - A volte ritornano....


A volte ritornano. Questo è il tema di questo mese. Tema importante ed impegnativo. Talmente vasto da riuscire a malapena a definirne i confini. Tutto può tornare, la moda, i ricordi, le paure, le insicurezze e le domane della vita, gli amici.

Io ho deciso di parlare delle mie trecce. Sì perché le mie trecce sono per me il simbolo dei ricordi della mia infanzia. Qualche volta, quando sto passando un periodo buio o una giornata di quelle nere, io mi rifaccio mentalmente le trecce. E’ un po’ la strategia di “Find a happy place!”, un luogo dove tutto va bene. Un luogo dove tutto è sereno.

Lego le mie treccine ad un episodio di quando avrò avuto, boh, 4 anni, di cui ricordo alla perfezione gli avvenimenti, i dettagli, i colori, persino i vestiti. Mia mamma, mio papà ed io, i miei zii e mia cugina tutti a fare una passeggiata nei campi in una soleggiata giornata d’autunno. Io ero vestita con un paio di pantaloncini di velluto a coste con le bretelline e un maglione a trecce chiaro. In testa un fazzoletto rosso alla contadinella da cui sbucavano due grosse trecce, fatte da mia mamma per piegare all’ordine i miei capelli ribelli. Poi un’immagine di mio zio, che sale sui rami di una quercia enorme, ed io che lo guardo dal basso mentre mi fa “ciao” con la mano. Io che cammino nel verde-giallo del campo incolto con in mano un ramo che uso per frustare l’erba alta. 

Per me è questo l’happy place. Le mie treccine sono l’arma segreta contro i momenti difficili. Se non altro, per trovare un rifugio momentaneo, dato che nel passato e nei ricordi la soluzione difficilmente si trova. Però loro ritornano lo stesso. Le mie treccine, che mi fanno sentire per un po’ leggera e spensierata come quella bimba che prendeva a scudisciate l’erba alta.  A volte loro ritornano e mi danno per un momento la spinta per prendere a scudisciate l’erba alta davanti a me….o quantomeno a camminarci attraverso senza tanti pensieri.


Con questo post partecipo alla Staffetta di Blog in Blog.
Per altri racconti su ciò che ritorna, ecco dove poter sbirciare!

5. made in bottega - http://www.madeinbottega.com
16. Il caffè delle mamme - http://www.ilcaffedellemamme.it
18.Sara Milan Fiorenza http://www.nuvolositavariabile.com/
26) Antonietta Nido in famiglia gnometti&fantasia http://www.gnomettiefantasia.blogspot.it/
33) Home-trotter: http://hometrotter.it
38) Mammamari http://mammamari.it/


16 commenti:

  1. Bella l'idea di prendere a scudisciate l'erba, qualsiasi erba sia.
    Non tagliare mai le tue trecce.
    ciao
    Norma

    RispondiElimina
  2. Io avevo i codini e sognavo le trecce, perchè nonna d'estate mi tagliava i capelli corti e non crescevano mai abbastanza per le trecce! Belli questi tuoi pensieri e belle le trecce. Buon fine settimana :)

    RispondiElimina
  3. Belle le trecce... se sei tu quella in foto ti stanno anche molto bene!
    CIAO

    RispondiElimina
  4. bellissimo questo post... bello che tu riesca a trovare la tua happy place riproponendo le trecce <3

    RispondiElimina
  5. miiiiiiii cosa mi hai fatto ricordare!
    le trecce! le odiavo da bimbetta eppure spesso la mamma me le faceva perchè lei le adorava!
    ora invece mi piacciono un casino, non vedo l'ora di farle a mia figlia e se avessi la costanza per far ricrescere i miei capelli forse me le farei anche su di me

    RispondiElimina
  6. uff... io niente trecce da piccola. Solo capelli sciolti da "brava bambina".... però come mi piacevano ;-)

    RispondiElimina
  7. mia mamma mi faceva la treccia sempre!!! l'adoravo per tanti motivi prima fra tutti xchè potevo fare quello che volevo semza capelli sugli occhi:)..bel post

    RispondiElimina
  8. Mi piace questo trucco delle trecce! Me servirebbe proprio, io sono sempre (stata) spettinata!

    RispondiElimina
  9. bellissime le trecce, mi sento il viso libero. A volte ne faccio una e la metto di lato :-) complimenti bel post ! ciao

    RispondiElimina
  10. Oddio le trecce! Chebellechebellechebelle! Io non vedo l'ora che la mia bimba abbia i capelli più lunghi per potergliele fare! Credo che regalino un momento di intimità unico ed irripetibile tra mamma e figlia...

    RispondiElimina
  11. Ciao il tuo post mi ha fatto ricordare di quando ero bambina e portavo...le trecce credo fino a 10-11 anni! Avevo i capelli molto lunghi ed era l'unico modo per tenerli in ordine tutto il giorno e poi erano di moda! Ricordo anche che qualcuno mi canticchiava spesso il ritornello di una canzone per me allora sconosciuta: "Lisa dagli occhi blu, senza le trecce la stessa non sei più...".
    E sì...a volte ritornano!
    Lisa(ho gli occhi neri...però)

    RispondiElimina
  12. bellissima l'immagine che ci hai regalato in questo post! Credo che tutti abbiamo bisogno di un nido rassicurante, una sorta di bacchetta magica.. le tue trecce sono una sorta di bacchetta magica, un aiuto, un appiglio per ancorarsi bene e poter proseguire la scalata!

    RispondiElimina
  13. oh mamma!!!
    mi hai fatto ricordare le mie di trecce!!
    che mia mamma mi tirava talmente strette strette che gli occhi si facevano a mandorla!!!
    e mi ricordo di una bambina che me le tirava quando stavamo in fila!!...sempre dietro a me!!!
    sigh sigh!!!

    RispondiElimina
  14. E' bello avere un'arma contro i momenti difficili! Rappresenta uno scudo per difenderci...mi hai fatto venire in mente i miei codini!!Luana

    RispondiElimina
  15. Dolcissima riflessione, sono secoli che non mi faccio le trecce, mi hai fatto venir nostalgia e voglia!brava!:-)

    RispondiElimina