lunedì 15 luglio 2013

Sliding Doors - altrimenti detto: Il periodo ipotetico del terzo tipo


https://www.facebook.com/staffettaBLOG

Sliding doors evoca naturalmente ragionamenti del tipo: Se non avessi fatto quello, oggi sarei…., se non fossi mai stata…, oggi avrei… ecc. Decisioni che abbiamo preso, cose che abbiamo o non abbiamo fatto, situazioni e avvenimenti che sono successi, o non sono successi.

Mica per niente si chiama il periodo ipotetico dell’irrealtà. O come ha detto un signore “dietrologia”.

Per anni, per non parlare del presente, ho fatto della dietrologia. Ah, se non fossi partita per l’estero! Ah, se non fossi mai andata a vivere in Germania.  Ah, se avessi iniziato a lavorare subito dopo le superiori! Ah, se invece che scegliere lo scientifico avessi scelto il linguistico. Ah, se non avessi scelto di vivere da una parte e poi dall’altra e poi dall’altra ancora. Ah, se fossi stata a casa coi miei, invece di andare a vivere da sola.
Queste sono le cose che mi rimprovero, data la mia tendenza patologica a guardare sempre al lato  negativo delle cose. Yes I am a glass-half-empty-person. Una persona "bicchiere mezzo vuoto"!

Purtroppo.

Dico purtroppo perché, nel guardare sempre a quello che non mi è successo, a quello che non ho avuto, a quello che ho lasciato indietro, dimentico quello che ho avuto, a quello che ho guadagnato, quello che invece ho davanti.
Non è, come credevo io, scaramanzia o cercare di restare coi piedi per terra, modestia o chissà che.

E’ solamente una grande incapacità di godere della propria fortuna e uno spreco di tutto ciò che di buono abbiamo. Una grande incapacità di essere felici. Questo ragionamento è legato al passo successivo: se non mi succederà questo, allora… Se non riuscirò a fare quest’altro, allora….
Pessimo circolo vizioso. Pessimo.
Un circolo vizioso in cui ho perso soldi, giorni felici, sorrisi, ma soprattutto tempo. Il tempo: una risorsa spietatamente democratica e l'unica equamente distribuita. 


Ritorniamo all'inizio del post: Arianna, te lo dico io cosa sarebbe successo, Se…. Se…. Se… se….

Ah, se non fossi partita per l’estero! Sarei ancora a vivere a casa e sarei una persona culturalmente e emotivamente più povera di quel che sono adesso.

Ah, se non fossi mai andata a vivere in Germania.  Non saprei bene il tedesco e non capirei gli austriaci in spiaggia a Lignano

Ah, se avessi iniziato a lavorare subito dopo le superiori! Non girerei il mondo come faccio adesso e come ho fatto in passato.

Ah, se invece che scegliere lo scientifico avessi scelto il linguistico. Non avrei conosciuto i migliori amici che potrei desiderare.

Ah, se non avessi scelto di vivere da una parte e poi dall’altra e poi dall’altra ancora. E chi ha mai avuto la fortuna di vivere ad Amburgo, a Melbourne a Londra a Brema?

Ah, se fossi stata a casa coi miei, invece di andare a vivere da sola. Non saprei organizzare lavatrici, andare a fare la spesa lavare e stirare. Non saprei cosa vuol dire essere responsabile di una casa. Sarei più immatura. Non avrei una casa MIA veramente; mia nel senso riempita, arredata e decorata da me, anche se con poco.

Io sono quello che ho fatto. Io sarò quello che deciderò di fare

E va bene così. Andrà bene così

A presto
Arianna



Per altri spunti e contributi ecco gli altri partecipanti alla Staffetta di Blog in Blog:


3. Cristina 
4. made in bottega http://www.madeinbottega.com
17 . Design Therapy : http://www.designtherapy.it/
20. MamiS - il gufo e la civetta - http://ilgufoelacivetta.blogspot.it/
25. Beat - Mamma...e ora che faccio?: www.mammaorachefaccio.com
26.Sara-NuvolositàVariabile http://www.nuvolositavariabile.com/
28. Antonietta Nido in famiglia gnometti&fantasia http://gnomettiefantasia.blogspot.it/
29. Norma Voglio il mondo a colori : http://voglioilmondoacolori.blogspot.it
30. Ilaria Maggi - La Via dei Colori -  http://laviadeicolori.wordpress.com/






18 commenti:

  1. Ti ho mai detto che ti invidio un sacco il fatto che tu sappia il tedesco? Io l'ho studiato, ci ho provato..ma nein! Non c'è stato verso :) Buon inizio settimana senza se e senza ma ti auguro proprio che sia buona!

    RispondiElimina
  2. proprio come dico io.....così doveva andare...e così che ci piace!!!

    RispondiElimina
  3. e andrà sempre bene...ed è bello così anche per le cose negative. bel post davvero

    RispondiElimina
  4. sì, siamo quello che abbiamo fatto e quello che faremo. forse, anche quello che sogniamo di fare...

    RispondiElimina
  5. EVVIVA! adoro questo tuo post, brava brava brava! Non avresti potuto scrivere meglio, pensa che invece io sono "una persona bicchiere mezzo pieno" ma so che non è facile vedere ciò che si ha piuttosto che rimpiangere ciò che non si ha... perciò doppiamente brava!

    RispondiElimina
  6. Io ho fatto il linguistico, poi l'università di lingue in Germania, sono andata a vivere da sola a 20 anni e da allora la mia mamma mi guarda malissimo (hihi) e sai che ti dico? che devi mettere da parte tutti quei SE e godere della persona che sei grazie al coraggio di lanciarti che hai avuto scegliendo! Goditi la Arianna che ha fatto tutte queste cose!!! Niente se, indietro nessuno sa tornarci perciò vivi il presente!!

    RispondiElimina
  7. Caspita, uno dei post più belli che abbia mai letto.
    Sembrava un post malinconico ed introspettivo ed invece è un inno alla positività.
    Dovremmo fare tutti così quando cominciamo a rimuginare su qualche pensiero, guardare quello che abbiamo e non quello che ipoteticamente sarebbe stato.
    Io sono quello che deciderò di fare, voglio che sia così anche per me.
    Grazie
    Ciao
    Norma

    RispondiElimina
  8. bello bello... sbircia da me e credo proprio che l'abbiamo fatto molto simile questa considerazione :)

    RispondiElimina
  9. Wow! In realtà penso che le porte che hai aperto ti abbiano dato davvero tanto: conoscenze, amicizie, riflessioni... C'è sempre un'alternativa nelle scelte che facciamo, ma quelle che hai preso tu ti han portato lontano... in tutti i sensi!!

    RispondiElimina
  10. Io in realtà, cerco di vedere il bicchiere mezzo pieno, questo mi permette di affrontare le cose brutte che mi sono accadute, mi permette di trasformarla in qualcosa di accettabile e magari anche utile...ma nonostante tu abbia visto il bicchiere mezzo vuoto, decisamente non ti sei lasciata sopraffare...che vita emozionante deve essere!

    RispondiElimina
  11. Ma vuoi ridere? anch'io ho iniziato il post parlando del bicchiere riempito a metà ...
    peccato solo che sono stata meno simpatica e allegra di te, seppur l'inizio sembrava più ottimistico. Ma mi sa che alla fine siamo arrivate alla stessa conclusione: la vita è bella e va goduta per ciò che ci regala ;)

    RispondiElimina
  12. e meno male che era una persona dl bicchiere mezzo vuoto... ah che energia l'ultima parte del post.... mi piace.... buona giornata

    RispondiElimina
  13. Il tuo bicchiere mezzo vuoto non ha nulla da invidiare a tanti bicchieri pieni che si vedono in giro. Hai fatto bene a vivere sola e ad andare all'estero, magari l'avessi fatto io! Buona giornata :)

    RispondiElimina
  14. Ma sei proprio sicura che tutti i SE lasciati alle spalle sarebbero stati in negativo?
    Certo che va bene così, ma non è detto che tutto il resto "sarebbe stato noia". Il sole te lo sei portato dietro dovunque sei andata, era in te, non fuori.

    N

    RispondiElimina
  15. Vedi sempre il positivo, brava, ti aiuterà a superare mille difficoltà quotidiane!

    RispondiElimina
  16. Io sono la regina delle persone "bicchiere mezzo vuoto"........ma quel che sono ora e quel che ho ora lo devo a tutte le sliding doors che ho attraversato!

    RispondiElimina